20160608 - Abbaye bénédictine d’Einsiedeln (photo: W. Müller / CES)

SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | Comunicato stampa | 09.06.2016

«Amoris Laetitia» Orientamenti e incoraggiamenti

Assemblea della Conferenza dei Vescovi svizzeri (CVS) a Einsiedeln

La CVS si è riunita dal 6 all’8 giugno 2016 presso l’abbazia benedettina di Einsiedeln per la sua 312ª assemblea ordinaria.

I membri della CVS si sono confrontati ampiamente sull’Esortazione apostolica postsinodale “Amoris Laetitia” di papa Francesco. In particolare hanno discusso l’importanza di questo documento per la Chiesa cattolica in Svizzera e le conseguenze che se ne possono trarre. I vescovi sono convinti che il documento “Amoris Laetitia” offra orientamenti auspicabili e incoraggiamenti in vista della pastorale del matrimonio e della famiglia.

Essi ritengono che le nozioni centrali di accompagnamento, discernimento e integrazione sono particolarmente importanti per la concretizzazione dell’Esortazione. È ciò per cui si impegna il movimento “Equipes Notre Dame”. Per questo motivo i vescovi hanno accolto in occasione della loro assemblea la coppia Marco e Anna-Elisabeth Cattaneo-Python, venuta in rappresentanza delle Equipes Notre Dame. Entrambi ritengono importante che le coppie cristiane si sostengano vicendevolmente e tra di loro e che camminino insieme a livello spirituale. Questa comunità, insediata in 78 paesi, riunisce tre o quattro coppie in gruppi (Equipes Notre Dame) che si ritrovano una volta al mese per discutere insieme in compagnia di un prete.

Al fine di favorire la concretizzazione di “Amoris Laetitia”, i vescovi intendono organizzare una giornata interna di studio. Inoltre trasmetteranno dei mandati ai servizi della Chiesa cattolica incaricati della pastorale del matrimonio e della famiglia ai livelli nazionale e diocesano per favorire la nascita e la realizzazione di nuovi progetti.

 

Asilo nelle chiese

Una lettera, sempre identica, è stata inviata da centinaia di persone alla CVS, come pure alla Federazione delle Chiese protestanti in Svizzera, per richiedere una posizione riguardo all’accoglienza di richiedenti l’asilo nelle chiese. I vescovi ricordano che numerosi edifici della Chiesa cattolica accolgono attualmente dei richiedenti l’asilo, e che alcuni servizi della Chiesa sono molto attivi nell’accompagnamento di queste persone. Questo aiuto implica una collaborazione con lo Stato: collaborazione eccellente grazie alla fiducia reciproca.

In questo e in altri ambiti, la Chiesa non rivendica un trattamento giuridico diverso da quello che si applica a tutti i cittadini: quando il papa ha condotto dei rifugiati in occasione del suo viaggio in Grecia, egli ha spiegato che non aveva potuto prendere con sé dei cristiani, in quanto coloro che  erano stati indicati non avevano i documenti in regola. I vescovi svizzeri auspicano tuttavia collaboraborazione per un miglioramento delle condizioni e delle leggi, e ribadiscono la loro comprensione verso quei cittadini che rivendicano un’obiezione di coscienza quando sono confrontati con situazioni umanamente molto pesanti.

 

In breve

  • Al termine di diversi anni di lavoro, la revisione totale della Traduzione  unificata della Sacra Scrittura in tedesco (“Einheitsübersetzung der Heiligen Schrift”) è terminata ed è stata approvata e riconosciuta dalle istanze ecclesiali competenti. La versione stampata dell’Antico e del Nuovo Testamento dovrebbe essere pubblicata nell’autunno 2016.
  • La CVS si associa alla partecipazione della Federazione delle Chiese protestanti in Svizzera all’Esposizione mondiale a Wittenberg (D) per il Giubi-leo della Riforma. L’esposizione mondiale, intitolata “Le porte della libertà” (“Tore der Freiheit”) avrà luogo dal 20 maggio al 10 settembre 2017.
  • I vescovi hanno preso atto dello stato di preparazione della Giornata nazionale ecumenica di celebrazione e di festa, prevista il 1° aprile 2017 a Zugo, per i 500 anni della Riforma e il 600° anniversario della nascita di Nicolao della Flüe.
  • Il gruppo di lavoro “Islam” ha effettuato dei colloqui dal 7 al 14 maggio 2016 in Turchia con i rappresentanti dei musulmani, dei cristiani e degli ebrei. I membri della CVS hanno discusso la relazione del gruppo di lavoro e l’hanno ringraziato per gli sforzi fruttuosi in favore di una migliore comprensione tra le religioni.
  • Il direttore nazionale di Migratio, dr. Samuel Behloul, lascerà il suo incarico il 31 agosto 2016 per intraprendere una nuova sfida professionale. I vescovi lo ringraziano per i preziosi servizi che ha svolto nell’ambito delle sue attività.

 

Incontri

  • Mons. Mario Codamo, segretario della nunziatura di Berna, è stato invitato all’assemblea dei vescovi svizzeri, in assenza del nunzio apostolico, l’arcivescovo Thomas Edward Gullickson, attualmente all’estero. Questa visita amichevole è stata un’occasione per scambi aperti e personali.
  • I membri della CVS hanno incontrato una delegazione di Sacrificio Quaresimale. Questo incontro ha permesso uno scambio di informazioni e di discussioni sull’evoluzione e le prospettive di quest’opera cattolica di aiuto. I vescovi hanno espresso il loro ringraziamento e la loro riconoscenza per l’irradiazione benefica di Sacrificio Quaresimale.
  • Il dr. Urban Fink-Wagner, nuovo direttore della Missione Interna, è venuto ad incontrare i vescovi svizzeri. Questi ultimi hanno discusso con lui della protezione dei beni culturali nelle chiese e nei conventi.

 

Einsiedeln, 8 giugno 2016

 

Conferenza dei Vescovi svizzeri
Walter Müller, delegato stampa