Messaggi

Messaggi ai fedeli

26.07.2016

In seguito all’attentato terroristico commesso nella mattinata del 26 luglio 2016 in una chiesa in Seine-Maritime, che è costato la vita a un prete e ai due autori dell’assalto, mons. Charles Morerod ha indirizzato un messaggio di sostegno all’arcivescovo di Rouen, mons. Lebrun.

SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 14.07.2016

Messaggio di mons. Felix Gmür per il 1° agosto 2016 a nome dei vescovi svizzeri

30.05.2016

Annunci funesti

«Che è mai l’uomo, che tu ne fai tanto conto e che tu poni su lui la tua mente?» (Giobbe 7,17)

Membro CVS Membro CVS | 10.02.2016

Messaggio dei Vescovi svizzeri per la Domenica del Malato 2016 (6 marzo 2016)

26.11.2015

Déclaration oecuménique commune des présidences de la Fédération des Eglises protestantes de Suisse et de la Conférence des évêques suisses

Déclaration oecuménique commune à l’occasion du voyage au Liban de responsables des deux Églises et de l’appel aux paroisses en faveur des chrétiens persécutés et des victimes de la guerre au Proche-Orient.

SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 03.11.2015

Lettera pastorale destinata agli operatori pastorali (lettera d'accompagnamento)

SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 20.08.2015

La penultima domenica d'ottobre, tutti i cattolici del mondo celebrano la Giornata missionaria mondiale. E' una domenica speciale, che vuol farci conoscer meglio quel che i membri della Chiesa universale si offrono gli uni gli altri scambiandosi i tesori della fede. 

SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 01.08.2015

Le radici cristiane della vita sociale, economica e politica in Svizzera

10.06.2015

25 anni fa, quando cadde il Muro di Berlino e, come conseguenza diretta, i regimi politici del blocco orientale si sgretolarono uno dopo l’altro, molti videro in questi avvenimenti la prova definitiva che i sistemi basati sulla repressione, sullo sfruttamento e sull’isolamento non hanno consistenza e che alla fine vince il bene. Le immagini da Berlino cariche di emozioni che avevano fatto il giro del mondo mostravano persone estranee che si abbracciavano, cantavano e ballavano insieme, davanti e sopra il muro. Questo evento storico è quindi celebrato non da ultimo anche come grande vittoria del diritto umano alla libertà di emigrare e di viaggiare.