@ SBK-CES-CVS 2020

SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 22.04.2020

Coronavirus - Raccomandazioni della Conferenza dei Vescovi svizzeri del 21 aprile 2020

Il 16 aprile 2020 il Consiglio federale ha decretato il graduale allentamento delle misure di protezione contro il coronavirus (COVID-19).

Di conseguenza, la CVS aggiorna le Raccomandazioni (pubblicate anche tramite comunicati stampa) che ha rilasciato il 5, 13, 17 e 27 marzo 2020 e le adatta come segue:

  • Le disposizioni adottate dalla Confederazione e dai Cantoni devono essere rigorosamente rispettate. Lo stesso vale per le direttive diocesane.
  • Le misure igieniche e il rispetto della distanza rimangono decisivi. La priorità è proteggere i gruppi a rischio (si veda l’appendice 6 dell’ordinanza COVID-19 2 del Consiglio federale, emendamento del 16 aprile 2020).
  • Chiunque fa parte dei gruppi a rischio rimane a casa.
  • Tutte le celebrazioni religiose pubbliche e gli eventi religiosi sono vietati fino all’8 giugno 2020, a eccezione dei funerali nella cerchia familiare.
  • Battesimi, prime comunioni, cresime e matrimoni sono rinviati, preferibilmente alla fine dell’estate/autunno.
  • I funerali sono ammessi nel pieno rispetto delle regole di igiene e distanza. Saranno celebrati nel modo più semplice possibile e con un’assistenza minima. Detto questo, la limitazione alla ristretta cerchia familiare è abrogata per i funerali (vedi comunicato stampa del Consiglio federale del 16.4.2020). Si consiglia di celebrare i funerali all’aperto (al lato della tomba). I responsabili parrocchiali si consultano al riguardo con le autorità locali.
  • Le campane iniziano a suonare come al solito per il funerale. Dal punto di vista del processo di “normalizzazione”, promosso dal Consiglio federale, questo è un segnale incoraggiante.
  • Si raccomanda di sfruttare ampiamente la possibilità di messe all’esterno durante l’estate, nel rispetto delle relative disposizioni statali.
  • I sacerdoti continuano a celebrare l’Eucaristia “a porte chiuse” (“Messa in assenza del popolo”).
  • I vescovi esonerano dall’osservanza del precetto domenicale.
  • Sono vietati tutti gli eventi nelle parrocchie, nelle missioni linguistiche e nei servizi specializzati.
  • I responsabili delle parrocchie, delle missioni in lingua straniera e dei centri specializzati rimangono i garanti delle decisioni e della loro attuazione, in dialogo con le autorità autorizzate a concludere i contratti di impegno e con i Consigli pastorali.
  • Le chiese rimangono aperte durante il giorno per la preghiera personale.
  • Le acquasantiere rimangono vuote.
  • Nel rigoroso rispetto delle misure di protezione, la comunione per i malati può essere distribuita in casa da persone che non fanno parte dei gruppi a rischio. Essi redigono un elenco dei contatti avuti, in modo che si possa tracciare, se del caso, la catena di trasmissione.
  • Il sacramento del perdono può essere ricevuto solo nell’ambito della cura pastorale individuale, subordinatamente al rispetto delle regole prescritte di igiene e distanza.
  • Qualsiasi visita alle case per anziani e di riposo deve essere concordata preventivamente con la direzione.
  • L’unzione dei malati può essere somministrata nuovamente, a condizione che si rispettino rigorosamente le misure di protezione richieste dalle autorità/istituzioni.
  • I responsabili della pastorale specializzata definiscono i loro servizi con la direzione dei loro istituti.
  • Qualsiasi iniziativa volta ad aiutare i gruppi a rischio (fare acquisti, contatti telefonici, ecc.) deve essere incoraggiata.

 

La CVS invita i fedeli ad assumersi la propria responsabilità nel limitare questa pandemia.

Inoltre, eventuali direttive delle diocesi, che sono aggiuntive a queste Raccomandazioni, devono essere rispettate.

Le presenti Raccomandazioni sono in vigore fino a nuovo avviso.

La CVS invita a continuare la preghiera per gli operatori sanitari. La lettura delle Scritture e la preghiera personale sono essenziali.

 

Prière pour toutes les personnes touchées et autres

Prions pour toutes les personnes atteintes du coronavirus,
Pour toutes celles et ceux qui ont peur d’une infection,
Pour toutes celles et ceux qui ne peuvent plus se déplacer librement,
Pour les médecins et les soignants qui s’occupent des malades,
Pour les scientifiques à la recherche d’un médicament et d’une protection,
Que Dieu garde notre monde sous sa bénédiction dans cette crise.

 

Dieu tout puissant, Tu es notre refuge et notre force,
De nombreuses générations avant nous ont fait l’expérience de ta puissance,
De ton aide dans toutes les détresses.
Assiste toutes celles et ceux qui sont touchés par cette crise,
Et conforte nous dans la foi que tu te soucies de chacune et de chacun d’entre nous.
Nous t’en prions, par le Christ notre Seigneur.  

 

Prière à Marie

 

Friburgo, 21 aprile 2020

 

 

Erwin Tanner-Tiziani
Conferenza dei Vescovi svizzeri
Rue des Alpes 6, case postale 278
1701 Fribourg
Tel. +41 26 510 15 15
www.ivescovi.ch