SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 07.12.2017

Assemblée de la Conférence des évêques suisses (CES) à Engelberg



Giustizia e Pace | 01.12.2017

Commissione nazionale Giustizia e Pace, Servizio dei gesuiti per i rifugiati Svizzera (JRS), Comunità di SantʼEgidio Svizzera



22.11.2017

Réponse des Eglise reconnues de droit public (FEPS-CES-RKZ-CKK) à la procédure de consultation concernant le Projet fiscal 17


Tutti i documenti

SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | Comunicato stampa | 11.04.2011

“Una Quaresima come a Dio piace”

I vescovi svizzero invitano al sostegno di Sacrificio Quaresimale

La Quaresima – tempo di preparazione alla festa di Pasqua – invita i cristiani a chinarsi sul loro modo di vivere, sulla loro relazione con Dio e con i loro simili. Da 50 anni la busta quaresimale – nella quale i fedeli depongono i loro doni – è il simbolo di Sacrificio Quaresimale, simbolo vivente della condivisione e della riflessione in numerose economie domestiche. La CVS invita i cattolici a sostenere il lavoro dell’opera di aiuto Sacrificio Quaresimale.

Mentre i dibattiti politici evocano i valori svizzeri e cristiani, l’accento deve essere posto sul valore cristiano della solidarietà ed il nostro stile di vita deve essere rimesso in discussione. Se tutti gli uomini della terra condividessero il nostro modo di vivere avremmo bisogno di cinque pianeti. Ciò va contro il nostro dovere di proteggere e preservare la Creazione.

Chiunque desideri affrontare seriamente la Quaresima non può sfuggire alle questioni urgenti dello sviluppo sostenibile con i suoi aspetti di ecologia, economia, società e religione. Da 50 anni, Sacrificio Quaresimale – opera di  aiuto dei cattolici svizzeri – invita a vivere una “Quaresima come a Dio piace” ed a tener conto delle questioni di solidarietà, di spiritualità e di cambiamenti dello stile di vita.

Anche la Campagna ecumenica 2011 di Sacrificio Quaresimale è posta sotto lo slogan: “La mia gioia, il tuo dolore: tesori della terra e diritti umani”; essa si focalizza sulla Repubblica democratica del Congo, uno dei paesi più ricchi in termini di risorse naturali. Tuttavia la maggioranza della popolazione vive in una situazione di estrema povertà e nell’incertezza, anche se invece le risorse naturali contribuiscono al buon funzionamento dell’economia mondiale. Rame, coltan, oro e diamanti sono per essi più una maledizione che una benedizione.

Nella Repubblica democratica del Congo l’opera di aiuto Sacrificio Quaresimale coopera attivamente con la Chiesa locale che si batte per i diritti dei poveri e fa pressione sul governo e nella legislazione. Un prete del Congo testimoniava al direttore di Sacrificio Quaresimale, Antonio Hautle: “Non possiamo restare indifferenti mentre i poveri sono cacciati e affamati o ancora torturati ed uccisi nei conflitti”.

All’indomani dell’assassinio di un giovane prete nell’Est del Paese, il suo vescovo spiegava ad Antonio Hautle, in occasione di una visita: “Ora i signori della guerra che sfruttano le miniere cercano pure di intimidirci. Ma non ci arrenderemo. Noi ci impegniamo per il regno di Dio e la sua giustizia”.

Con le sue organizzazioni partner, Sacrificio Quaresimale è attivo in 16 paesi, aiutando le genti a raggrupparsi ed a trovare i mezzi comuni per un avvenire migliore. I vescovi svizzeri ringraziano tutti i benefattori che, con il loro “sacrificio quaresimale”, sostengono quest’opera.

Friborgo, 11 aprile 2011

Mons. Norbert Brunner
presidente della CVS