SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 05.07.2017

Sinodo dei giovani 2018



SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 28.06.2017

Conférence des évêques suisses CES - Fédération des Églises protestantes de Suisse FEPS - Conférence des Églises réformées de Suisse romande CER - Église catholique-chrétienne de Suisse ECS


SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 01.06.2017

Assemblée de la Conférence des évêques suisses (CES) à Einsiedeln



Tutti i documenti

Aiutare a morire

Giustizia e Pace | Comunicato stampa | 01.07.2016

Studio sul suicidio assistito dei più anziani

Pianificare la morte è inaccettabile

 In Svizzera ben più di 100'000 persone sono attualmente affiliate ad un’associazione per l’aiuto al suicidio. C’è anche la questione concernente la rivendicazione della possibilità per persone che non sono in fin di vita di organizzare più facilmente il proprio decesso. Mons. Felix Gmür ha chiaramente affermato in conferenza stampa a Berna la sua opposizione a una morte pianificata.

La nostra società ha tendenza a ridurre la vita alle sue considerazioni   economiche e ad eliminarla qualora essa fosse percepita come un fardello – sia prima della nascita con l’aiuto della DPI oppure a età avanzata e in caso di malattia grave per mezzo del suicidio. Ora: il suicidio non deve divenire l’espressione di una “responsabilità sociale”! Le persone che non sono o non sono più performanti non perdono la loro dignità. La vita è un dono e rimane preziosa fino al suo termine. Una normalizzazione del suicidio da parte della società rivela una banalizzazione della vita. Una morte degna non si trova in un atto di suicidio. I più anziani, i malati e le persone fragili sono di un valore inestimabile, per il fatto che l’attenzione che noi tributiamo loro è l’espressione di una società della vita e non di una società della morte. Invece del suicidio assistito organizzato abbiamo bisogno di accompagnamenti e di offerte per migliorare ancora le cure palliative.

Per mezzo di un opuscolo edito dalla Commissione nazionale «Giustizia e Pace» la Chiesa cattolica vuole arricchire la discussione sull’autonomia, la fragilità, la morte e l’aiuto al suicidio.