SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 01.06.2017

Assemblée de la Conférence des évêques suisses (CES) à Einsiedeln



SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 04.05.2017


Curia romana | 02.05.2017


COR | 24.03.2017

Communiqué à l'issue de la COR du 17.03.2017


Tutti i documenti

Mons. Markus Büchel eletto alla presidenza della CVS

SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | Comunicato stampa | 06.09.2012

Mons. Markus Büchel eletto alla presidenza della CVS

297ª Assemblea ordinaria Bex (VD), 3-5 settembre

La Conferenza dei vescovi svizzeri (CVS) si è riunita dal 3 al 5 settembre presso il Centro di accoglienza La Pelouse a Bex (VD) per la sua 297ª assemblea ordinaria.

I membri della CVS  hanno eletto mons. Markus Büchel, vescovo di San Gallo e attuale vicepresidente, alla presidenza della CVS per il periodo 2013-2015. Il vescovo di Losanna, Ginevra e Friborgo, mons. Charles Morerod, è stato scelto per la vicepresidenza, mentre mons. Denis Theurillat, vescovo ausiliare di Basilea, è stato eletto quale terzo membro del Presidio.

Mons. Charles Morerod è membro della CVS dal novembre 2011 ed è nuovo nel Presidio. Mons. Denis Theurillat è membro del Presidio già dal 2011, essendo succeduto al defunto mons. Bernard Genoud.

Il mandato di tre anni del Presidio attuale, guidato da mons. Norbert Brunner, terminerà il 31 dicembre 2012.

Discussione sulle uscite dalle corporazioni ecclesiastiche

I vescovi hanno discusso sulle “uscite parziali dalla Chiesa”. Questa discussione è stata suscitata dalla decisione del Tribunale federale del 9 luglio 2012 a proposito di una “uscita parziale dalla Chiesa” nel Canton Lucerna. Il Tribunale aveva contestato il fatto che una discussione tra una persona che voleva lasciare la Chiesa ed il vicario generale della diocesi di Basilea fosse divenuto una condizione per la realizzazione della “uscita parziale dalla Chiesa”. Il Tribunale federale intende con “uscita parziale dalla Chiesa” il caso nel quale una persona esce da una corporazione ecclesiastica, “ma vuole nel contempo far parte della comunità dei fedeli cattolici romani”.

La diocesi di Basilea sta riesaminando le proprie linee direttrici concernenti le persone che desiderano lasciare la Chiesa o le corporazioni ecclesiastiche alla luce della decisione del Tribunale federale. La CVS aveva adottato nel 2009 delle raccomandazioni su “La condotta da seguire con le persone che escono dalle corporazioni ecclesiastiche e dichiarano di voler restare fedeli cattolici”. Da quel momento, laddove ci sono delle corporazioni ecclesiastiche, queste raccomandazioni sono state adottate quali linee direttive nelle diocesi coinvolte, con il consenso delle corporazioni stesse.

Statistiche 2011 su “Abusi sessuali nell’ambito della pastorale”

La CVS ha preso visione delle statistiche annuali 2011 a proposito de “Gli abusi sessuali nell’ambito della pastorale”. I resoconti delle diocesi parlano di 22 vittime e di 22 autori dichiarati per il periodo che va dagli anni ’50 fino ad oggi. Due di queste denunce riguardano atti sessuali con bambini.

Altre vittime continuano ad annunciarsi per abusi che risalgono a molti anni fa, i cui autori sono già deceduti oppure non sono più attivi come preti. Gli abusi attuali si situano soprattutto nell’ambito delle molestie sessuali o nel superamento dei limiti. In più di un terzo dei casi denunciati, le vittime degli abusi sono donne adulte.

La commissione di esperti “Abusi sessuali nell’ambito della pastorale”, che ha stilato queste statistiche, constata che è aumentato la sensibilità di fronte al superamento dei limiti nell’ambito della pastorale. Anche piccole trasgressioni sono rilevate e denunciate. Si tratta ora, secondo i vescovi, di continuare a sviluppare la presa di coscienza degli agenti pastorali per mezzo della prevenzione, della formazione iniziale e della formazione permanente.

Gli Jenisch, una minoranza nazionale in Svizzera

I vescovi ricordano che anche gli Jenisch, riconosciuti dalle legge come una minoranza nazionale, fanno parte della Svizzera. Essi dispongono della loro cappellania cattolica. Gli Jenisch, come tutti i Manusch di nazionalità svizzera, auspicano di poter disporre di un numero sufficiente di luoghi di sosta, che non devono essere confusi con le aree di transito per i nomadi che attraversano il nostro paese.

I vescovi hanno espresso la loro preoccupazione nei confronti dei deprecabili avvenimenti successi a fine luglio a Muraz (VS), ed in particolare nei confronti del comportamento riprovevole di nomadi di provenienza estera e delle difficoltà delle autorità ad intervenire efficacemente. Simili situazioni rischiano di generare pregiudizi verso i nomadi in Svizzera e atti xenofobi contro i nomadi provenienti dall’estero.

Riorganizzazione del segretariato generale e delle commissioni

Nell’ambito della riorganizzazione del segretariato e delle commissioni presso la sede della CVS a Friborgo, sono stati designati alcuni tra i primi incarichi messi a concorso. 

I vescovi hanno confermato Walter Müller quale incaricato per l’informazione della CVS (lingua tedesca) e Simon Spengler quale segretario esecutivo della “Commissione per la comunicazione ed i media”. Hanno inoltre nominato don Nicolas Betticher quale incaricato dell’informazione a tempo parziale (lingua francese).

Gli altri incarichi del segretariato generale saranno assegnati nelle prossime settimane o nei prossimi mesi. Analogamente si procederà per i posti di segretariato delle commissioni, in accordo con le commissioni coinvolte.

Sinodo dei vescovi

Dal 7 al 28 ottobre 2012 si svolgerà a Roma il Sinodo dei vescovi sul tema “La nuova evangelizzazione per la trasmissione della fede cristiana”. I membri della CVS hanno discusso le loro aspettative in vista di questa assemblea dei vescovi con mons. Felix Gmür, che li rappresenterà al Sinodo.

Incontri

  • Il nunzio apostolico in Svizzera, l’arcivescovo mons. Diego Causero, ha reso visita amichevole in occasione dell’assemblea della CVS, accompagnato dal suo collaboratore, don Nicolas Betticher.
  • Il nunzio apostolico ed osservatore permanente della Santa Sede alle Nazioni Unite a Ginevra, l’arcivescovo mons. Silvano Maria Tomasi, ha presentato ai vescovi la Fondazione “Caritas in Veritate”. Era accompagnato dal prof. Mathias Nebel. Lo scopo della fondazione è di rappresentare i valori del Vangelo e della dottrina sociale della Chiesa nel contesto della diplomazia multilaterale, e di sostenere proposte e progetti che corrispondono a questi valori presso le Nazioni Unite ed altre organizzazioni internazionali a Ginevra.
  • La CVS ha incontrato il diacono Martin Brunner-Artho, direttore di Missio Svizzera. Missio Svizzera fa parte della rete di solidarietà delle Pontificie Opere Missionarie internazionali, che sostengono progetti in 110 paesi.
  • I vescovi si sono recati la sera del secondo giorno dell’assemblea a Saint Maurice, dove hanno partecipato all’ufficio in convento. Al termine della preghiera sono stati invitati al pasto serale dai Canonici  di Saint Maurice.

Nomine

La CVS ha nominato:

  • Astrid Kaptijn, professore di diritto canonico presso la Facoltà di teologia di Friborgo (Svizzera) e p. Vinson Jospeh MST, lic. iur. can, Friborgo, quali giudici del Tribunale interdiocesano svizzero;
  • il consigliere nazionale Stefan Müller-Altermatt, Herbetswil (SO), quale membro della Commissione “Bioetica”.

 

Bex, 5 settembre 2012

Walter Müller
incaricato per la comunicazione della CVS