SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 06.06.2019


SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 29.04.2019


SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 27.03.2019

Les conférences épiscopales d’Allemagne, de Suisse et de France en débat à Paris


SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 25.03.2019


28.02.2019

La 323ª assemblea ordinaria della CVS si è svolta dal 25 al 27 febbraio al Monastero di Mariastein (SO)


Tutti i documenti

Giustizia e Pace | Comunicato stampa | 01.12.2017

I rifugiati hanno bisogno di maggior protezione - Rilocazione necessaria!

Commissione nazionale Giustizia e Pace, Servizio dei gesuiti per i rifugiati Svizzera (JRS), Comunità di SantʼEgidio Svizzera

Sullo sfondo di condizioni umanitarie insostenibili nei paesi costieri del Mediterraneo centrale, la Consigliera federale Simonetta Sommaruga è intervenuta a favore d'una migliore protezione dei rifugiati, ribadendo che la protezione della vita umana e la garanzia di diritti umani per gli sfollati sono assolutamente prioritarie per la Svizzera.

A causa della chiusura dei percorsi classici di fuga e la soppressione dellʼasilo nelle rappresentanze diplomatiche, le vie legali per fuggire in Europa si sono fatte praticamente inesistenti. Migliaia di persone fuggite dai loro Paesi sono costrette a soggiornare nei campi libici – finanziati e sostenuti dallʼEuropa – in condizioni disumane.

Per la Commissione episcopale Giustizia e Pace, come pure per il Servizio dei gesuiti per i rifugiati (JRS) e la Comunità di Sant'Egidio, l'Europa ha la responsabilità di intervenire con fermezza contro i soprusi, in vista d'un aiuto efficace alle persone in difficoltà. Questi organismi approvano quindi risolutamente la proposta della Consigliera federale on. Sommaruga di sottrarre ai campi libici quelle persone particolarmente vulnerabili e offrire loro soccorso in Svizzera, grazie a un programma di rilocazione (resettlement).

Questa misura non può rispondere esaustivamente al dramma dei rifugiati nel mondo, perché una politica d'asilo degna di questo nome, per la quale la protezione della vita umana e la salvaguardia dei diritti umani siano veramente prioritarie, deve impegnarsi con convinzione nell'eradicazione delle cause del dramma dei rifugiati, ma soprattutto deve promuovere una strategia a livello europeo che permetta ai rifugiati trattenuti o molestati in Paesi come la Libia, la Turchia ed i Balcani di poter ritrovare un'esistenza degna.

Contatti:

Wolfgang Bürgstein, J+P, 078 824 44 18, wolfgang.buergstein@juspax.ch

Christoph Albrecht, JRS, 079 155 64 25, christoph.albrecht@jesuiten.org

Anne-Catherine Reymond, Sant' Egidio, 079 627 36 56, anne-catherine.reymond@santegidio.ch