SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 08.09.2017

Assemblée de la Conférence des évêques suisses (CES) à St. Niklausen


SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 06.09.2017

5e session de discussions entre l’Organisation pour la culture et les relations de l’Islam et la Commission pour le Dialogue avec les Musulmans de la Conférence des évêques suisses du 26 au 31 août 2017 en Iran.


Giustizia e Pace | 01.09.2017

La Commissione nazionale Giustizia e Pace motiva il suo SIʼ alla riforma della previdenza vecchiaia 2020 dal profilo dell'etica sociale


SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 31.07.2017

Videomessaggio per il 1° agosto per l’inizio del pellegrinaggio a Flüeli Ranft


Tutti i documenti

Comunicato stampa | 20.11.2012

La Federazione delle Chiese protestanti in Svizzera e la Conferenza dei Vescovi svizzeri sperano nella fine delle violenze in Israele e a Gaza

Medienmitteilung

Gottfried Locher e Norbert Brunner lanciano un appello alle parti in conflitto a Gaza ed in Israele, affinché prendano coscienza delle loro responsabilità di fronte alla popolazione civile e pongano fine alle rinnovate violenze.

 Norbert Brunner, presidente della CVS, e Gottfried Locher, presidente della Federazione delle Chiese protestanti in Svizzera (FCPS), lanciano un appello ai responsabili del conflitto a Gaza, affinché mettano un termine alla violenza da una parte e dell’altra.

Secondo resoconti giornalistici, un migliaio di razzi sono stati lanciati contro Israele dall’inizio delle ostilità. L’attacco aereo degli Israeliani quale rappresaglia ha fatto un centinaio di morti e circa 700 feriti. Il vescovo Brunner ed il presidente Locher condannano questa violenza: “Le due parti fanno valere il diritto alla difesa. Ma questo diritto non include quello di servirsi dei civili, di ferirli o di ucciderli. Inoltre, la religione non deve mai essere un pretesto per far dilagare la violenza e la morte”.

I presidenti sono convinti della necessità di fare concessioni. I Palestinesi devono riconoscere il diritto all’esistenza di Israele. E il governo israeliano deve mettere fine alla sua politica ostracista. “E’ la sola via che può condurre ad una riduzione del conflitto. Per le due parti, impegnarsi su questa via è un dovere verso tutti: donne, uomini, bambini”.

L’inasprimento del conflitto rischia di destabilizzare tutto il Medio Oriente. “Noi preghiamo affinché entrambe le parti prendano coscienza delle loro responsabilità. La mediazione proposta dal presidente egiziano Mohammed Morsi e dal segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-Moon è una possibilità seria da cogliere; si tratta, infatti, di evitare una nuova guerra”. Sia Norbert Brunner che Gottfried Locher chiedono il rispetto assoluto del diritto umanitario internazionale, anche se i combattimenti dovessero proseguire.

Da molti anni le Chiese nazionali in Svizzera si impegnano a favore della pace nel Vicino e nel Medio Oriente. Alcuni volontari, sotto l’egida della FCPS, lavorano per la protezione della popolazione civile in Palestina e in Israele in seno al Programma d’accompagnamento (EAPPI) del Consiglio ecumenico delle Chiese. Da parte loro i Vescovi svizzeri, con i fedeli cattolici, sostengono diverse opere di solidarietà in Terra Santa, come il Caritas Baby-Hospital di Betlemme. I pellegrinaggi, ai quali i vescovi prendono parte personalmente secondo le loro possibilità, vogliono pure essere una testimonianza di solidarietà verso le popolazioni colpite e un appello silenzioso alla pace.

Berna/Friborgo, 20 novembre 2012