SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 08.09.2017

Assemblée de la Conférence des évêques suisses (CES) à St. Niklausen


SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 06.09.2017

5e session de discussions entre l’Organisation pour la culture et les relations de l’Islam et la Commission pour le Dialogue avec les Musulmans de la Conférence des évêques suisses du 26 au 31 août 2017 en Iran.


Giustizia e Pace | 01.09.2017

La Commissione nazionale Giustizia e Pace motiva il suo SIʼ alla riforma della previdenza vecchiaia 2020 dal profilo dell'etica sociale


SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 31.07.2017

Videomessaggio per il 1° agosto per l’inizio del pellegrinaggio a Flüeli Ranft


Tutti i documenti

SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | Comunicato stampa | 05.12.2014

Fine della visita a Roma «ad limina apostolorum»

I membri della CVS hanno terminato venerdì la visita «ad limina» che essi effettuano periodicamente a Roma. Il pellegrinaggio sulle tombe degli apostoli a Roma e l’incontro con papa Francesco e i suoi collaboratori sono stati al centro del viaggio che si è svolto dal 1° al 5 dicembre 2014. L’ultima visita «ad limina» dei Vescovi risale agli anni 2005/2006.

L’importanza spirituale di Roma rimane impareggiabile sotto l’azione, avvertibile ancora oggi, dei due apostoli Pietro e Paolo, alle cui tombe i Vescovi hanno celebrato l’eucaristia. Sono stati ricevuti già il primo giorno dal successore di Pietro, il papa Francesco. L’incontro si è svolto senza grandi cerimonie e ha lasciato molto spazio alla discussione tra il Santo Padre e i suoi fratelli nell’episcopato svizzeri.

Avevano a questo scopo due ore a disposizione, di cui hanno approfittato al massimo. I membri della CVS hanno esposto i loro auspici e le loro preoccupazioni, alle quali il Santo Padre ha risposto dalla prospettiva del suo alto ministero. Una grande parte delle questioni trattate toccavano i fondamenti teologici e spirituali dell’impegno episcopale. I principali temi trattati si trovano nel discorso di papa Francesco e del presidente della CVS, mons. Markus Büchel (tutti gli interventi su www.ivescovi.ch).

Il Santo Padre ha valorizzato in modo particolare la collaborazione tra preti e laici. Ha incoraggiato i Vescovi a sostenere e a promuovere l’impegno dei laici nella Chiesa, mantenendo la distinzione tra sacerdozio comune dei fedeli e sacerdozio ministeriale.

Il papa ha pronunciato una parola d’incoraggiamento anche sull’ecume-nismo. Ha sottolineato che si tratta di un contributo non solo all’unità della Chiesa ma pure a quella della famiglia umana (cfr. Evangelii gaudium, n. 245). Per quanto importanti e necessari, gli sforzi ecumenici non devono tuttavia spingere, per esempio nel caso della fede eucaristica, a “cancellare le differenze a scapito della verità”.

Il papa Francesco ha pure rilevato in modo molto positivo i rapporti tra Chiesa e Stato e corporazioni cantonali di diritto pubblico ecclesiastico. Ma, pure in questo caso, ha esortato a una necessaria distinzione: è importante mantenere la differenza di funzionamento tra le Corporazioni e le strutture della Chiesa cattolica.

Una gran parte della visita ad limina è stata dedicata ai colloqui con i superiori di numerose autorità pontificie (Segreteria di Stato, Congregazioni, Consigli). È stata, questa, l’occasione per sollevare questioni particolari della Chiesa in Svizzera. Gli incontri hanno permesso una migliore comprensione reciproca e aiuteranno ad affrontare meglio le sfide e le difficoltà.

Solo una minoranza dei membri attuali della CVS avevano già partecipato all’ultima visita ad limina nel 2005/2006. La composizione della CVS è molto mutata in questi ultimi anni con la nomina di nuovi membri. Mons. Martin Gächter, il decano dei membri in funzione della CVS, si ritirerà dalle sue funzioni alla fine dell’anno.

Roma, 5 dicembre 2014

Conferenza dei Vescovi svizzeri
Walter Müller, incaricato dell’informazione