SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 01.06.2017

Assemblée de la Conférence des évêques suisses (CES) à Einsiedeln



SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | 04.05.2017


Curia romana | 02.05.2017


COR | 24.03.2017

Communiqué à l'issue de la COR du 17.03.2017


Tutti i documenti

L'abbaye d’Einsiedeln (Foto: CES)

SBK-CES-CVS Conferenza dei vescovi svizzeri | Comunicato stampa | 05.06.2015

Sotto il segno del prossimo Sinodo sulla famiglia

Assemblea de la Conferenza dei Vescovi svizzeri - Einsiedeln

La CVS si è riunita dal 1° al 3 giugno 2015 nell’abbazia benedettina di Einsiedeln per la sua 308ª assemblea ordinaria.

I Vescovi svizzeri si sono concentrati, durante la loro assemblea, sui preparativi al Sinodo dei Vescovi nel mese di ottobre, il cui tema è «La vocazione e la missione della famiglia nella Chiesa e nel mondo contemporaneo». Essi hanno preso atto del rapporto sui risultati delle discussioni a proposito dei diversi temi del Sinodo, condotte in Svizzera su loro invito durante la primavera 2015.

I Vescovi hanno pure ricevuto un’informazione riguardo al colloquio che si è tenuto a Roma, il lunedì di Pentecoste, su invito dei presidenti delle conferenze episcopali di tre paesi confinanti, ossia la Germania, la Francia e la Svizzera. L’obiettivo principale era una riflessione sui fondamenti teologici e biblici del tema sinodale e una discussione della problematica che condiziona i dibattiti attuali a proposito di matrimonio e famiglia.

I Vescovi approfondiranno questa questione in occasione di una giornata di studio che la CVS organizza per i suoi membri il 31 agosto 2015 a Berna. Al centro di questa giornata ci sarà la discussione teologica sulla questione dell’allontanamento di molti cattolici, uomini e donne, dalla loro Chiesa a proposito dei temi della coppia, del matrimonio e della famiglia. «Papa Francesco e i Vescovi desiderano che una buona preparazione permetta al Sinodo di portare frutto».

 

Anno della misericordia

I Vescovi hanno parlato della partecipazione della Chiesa cattolica svizzera all’Anno Santo che inizierà l’8 dicembre 2015 e si concluderà il 20 novembre 2016, Solennità di Cristo, Re dell’Universo. Una partecipazione che permetterà di celebrare il Giubileo Straordinario della Misericordia, voluto da Papa Francesco. I Vescovi invitano i fedeli a prendere parte attiva all’Anno della Misericordia. Li incoraggiano a intraprendere pellegrinaggi, a Roma o verso le “Porte della Misericordia” che saranno aperte durante l’Anno Santo nelle diocesi svizzere come pure in certi luoghi di pellegrinaggi mariani.

Come ha spiegato Papa Francesco nella sua bolla d’indizione dell’Anno Santo «Misericordiae Vultus”, i pellegrinaggi sono “immagine del cammino che ciascuno percorre lungo la sua esistenza. Passando la Porta Santa [della Misericordia], ci lasceremo abbracciare dalla misericordia di Dio e ci impegneremo ad essere misericordiosi con gli altri, come il Padre lo è con noi».

I pellegrinaggi sono pure una buona occasione per riflettere sulle opere di misericordia corporali e spirituali. I Vescovi invitano con Papa Francesco a riscoprire le opere di misericordia corporali: dar da mangiare agli affamati; dar da bere agli assetati; vestire gli ignudi; alloggiare i pellegrini; visitare gli infermi; visitare i carcerati; seppellire i morti. E senza dimenticare le opere di misericordia spirituali: consigliare i dubbiosi; insegnare agli ignoranti; ammonire i peccatori; consolare gli afflitti; perdonare le offese; sopportare pazientemente le persone moleste; pregare Dio per i vivi e per i morti.

L’Anno giubilare della Misericordia si presta particolarmente per favorire l’incontro con il giudaismo e con l’islam. Come invita Papa Francesco, la CVS desidererebbe, al proposito, accordare la priorità al dialogo interreligioso.

 

Nuovo membro della CVS

I Vescovi hanno accolto per la prima volta tra i loro ranghi mons. Jean Scarcella, padre-abate dell’Abbazia territoriale di Saint Maurice, la cui benedizione ha avuto luogo il 1° agosto. La sua entrata in carica ne farà un membro della CVS e significherà nello stesso momento la partenza del suo predecessore, mons. Joseph Roduit. I vescovi lo ringraziano per il gran lavoro compiuto durante 16 anni quale membro della CVS.

 

Statistiche «Abusi sessuali nel contesto ecclesiale»

La CVS ha preso atto della statistica 2014: «Abusi sessuali nel contesto ecclesiale», redatta dall’omonima commissione di esperti. Durante il 2014, 12 vittime (2013: 11 vittime) e 10 autori (2013: 14 autori) sono stati annunciati alle diocesi. Tutti i casi risalgono al periodo tra 1950 e 2000, ad eccezione di un solo caso che è avvenuto nel 2013. Delle 12 vittime annunciate, 8 erano bambini al momento dei fatti; una era adolescente e 3 erano donne adulte.

 

In breve

  • La ripartizione delle responsabilità tra i membri della CVS sarà adattata in due punti: mons. Jean Scarcella diviene responsabile del dicastero Missione come pure del settore Liturgia, area francofona.
  • La CVS approva il nuovo contratto di cofinanziamento con la Conferenza centrale cattolica romana (RKZ). Quest’ultimo sostituisce il contratto del 24 dicembre 1983 e il suo complemento del 10 dicembre 2013.

 

Incontri

  • Il Nunzio apostolico a Berna, l’arcivescovo Diego Causero, ha salutato i Vescovi in occasione della loro assemblea. Era accompagnato da mons. Mario Codamo, segretario della nunziatura.
  • Subito dopo la sua assemblea, la CVS ha incontrato il consiglio di fondazione e la direzione di Sacrificio Quaresimale. Questo incontro aveva quale scopo un’informazione e uno scambio di idee a proposito dello sviluppo e delle prospettive dell’organizzazione caritativa cattolica. I Vescovi hanno espresso i loro ringraziamenti e la loro riconoscenza per l’opera assistenziale di SQ.

 

Nomine

La CVS ha nominato:

  • Marco Villa, Castagnola TI, membro della commissione di esperti «Abusi sessuali nel contesto ecclesiale».

 

Einsiedeln, 3 giugno 2015
Walter Müller, delegato stampa della CVS